Archive for the ‘Ancora cinque minuti’ Category

Il nostro 2009

3, gen 2010

I tre articoli più letti: 1. Hai mica 20 milioni da prestarmi? 2. C’era una volta un FIRB (seconda puntata) 3. i soldi dei dottorandi Le persone sono arrivate qui passando da.. 1. frieda.it 2. FriendFeed 3. Facebook ..oppure cercando 1. faccio cose vedo gente 2. fcvg 3. vedo gratis I link più cliccati sono […]

Su Wikipedia il patrolling è la sottile e necessaria opera di verifica delle ultime modifiche. Particolare cura viene spesso posta nella valutazione dei contributi dei cosiddetti anonimi, ossia degli utenti non registrati. Via Twitter (grazie Angela!) scopro oggi l’esistenza di questo grazioso tool, ispirato a twittervision e a flickrvision, che mostra in tempo reale (o […]

Misteri di Linux

16, dic 2008

Ho appena fatto l’aggiornamento da Ubuntu 8.04 a Ubuntu 8.10. Tutto è andato liscio (ok, non ho ancora testato TUTTI i programmi installati ma a prima vista non vedo cose macroscopicamente malfunzionanti) solo che sull’icona del NetworkManager è comparso un bel punto escalamativo e mi dice “No valid active connections found!”. La cosa buffa è […]

continua Solo in altre due lettere, sempre a Keplero e mandate in copia a Giuliano De’ Medici, ambasciatore toscano a Praga alla corte di Rodolfo II, Galileo svelò il significato dei suoi anagrammi. Il primo nella mente del genio italiano significava “ALTISSIMUM PLANETAM TERGEMINUM OBSERVAVI” cioè “Ho visto il pianeta più alto è in forma […]

  • Read More
  • Commenti disabilitati su Il miracolo degli anagrammi /3

continua Keplero trascrisse l’anagramma come “SALVE UMBISTINEUM GEMINATUM MARTIA PROLES” cioè “Salve, o gemelli furiosi, figli di Marte”. Tradotto in termini astronomici: “O cavolo, Marte ha due satelliti!” In una seconda lettera Galileo, evidentemente impratichitosi con gli anagrammi, scrisse: HAEC IMMATURA A ME IAM FRUSTRA LEGUNTUROY in un “latinorum” intellegibile dal vago significato di “Queste […]

  • Read More
  • Commenti disabilitati su Il miracolo degli anagrammi /2

Galileo Galilei era scenziato e persona prudente, poco avvezza a sbilanciarsi al traino dell’entusiasmo. Con il suo atteggiamento scettico e pacato riuscì anche a irritare l’amico Johannes Kepler quando nel 1597 gli fece avere una copia in anteprima del “Mistero Cosmico”: Galileo non si espresse in un giudizio pubblico, ma si limitò a scrivere allo […]

  • Read More
  • Commenti disabilitati su Il miracolo degli anagrammi

continua Nel 1971 John Lennon scuote il mondo cantanto Imagine. Vogliamo perdere un’occasione così? No, e infatti niente meno che Ornella Vanoni ci canta “Immagina che”. E mentre l’Illuminato Lennon ci dice di abbandonare contrasti religiosi, odii, divisioni razziali e di darci alla fratellanza spirituale dell’umanità, la Vanoni ha ben altri guai per la testa! […]

La notte delle note

30, giu 2008

C’è stato un periodo in Italia negli anni ’60 e ’70 dove tanti cantanti famosi per creare qualche hit di successo senza troppo faticare traducevano, spesso malamente, qualcuno dei grandi successi internazionali che abbondavano oltreoceano in uno dei periodi più fervidi in fatto di creatività musicale. Le traduzioni erano più o meno fedeli, ma ci […]

Ego feeder

7, mag 2008

Preso dalla curiosità (e dalla necessità di nutrire il mio ego di tanto in tanto) mi sono calcolato il Google Quotient. Il risultato è stato un brillante 9 su 10 che ha ampiamente soddisfatto il mio senso di autostima In effetti è piacevole vedere come oltre l’85% dei risultati che si ottengono inserendo il mio […]

[OT]

11, mar 2008

Il titolo del post precedente (come spesso mi capita, ma più altrove che qui) è una citazione. Sono orgogliosa di consegnare al signor .mau. un milione di punticini per averla colta al volo!


top